Annunci di Lavoro

Storia degli sci

L'evoluzione dello Sci

Il termine sci deriva dal norvegese "skid" che significa ricoperto di pelle.

Con la parola sci si indica ognuno dei due attrezzi usati per scivolare, camminare o saltare sulla neve ed anticamente rappresentati da due assicelle ricurve ricoperte di pelle di foca per  evitare lo scivolamento all'indietro.

Gli sci, come mezzo per spostarsi sulla neve, risalgono a tempi assai remoti.

Al contrario di quanto si possa pensare, gli sci non ebbero origine tra i popoli nordici, bensì tra le popolazioni dell'Asia che, molti secoli prima di Cristo, usavano una specie di racchetta di forma ovoidale con la punta rivolta all'insù per facilitarne lo scivolamento.

Importato dall'Asia alla penisola scandinava , gli sci divennero l'abituale mezzo di locomozione per le popolazioni nordiche.

Ad Oslo, nel museo di Holmenkollen, si conserva lo sci considerato il più antico del mondo, ritrovato ad Ovrebro all'inizio del 1900 e risalente a 1000 anni avanti Cristo.

Alcune riproduzioni graffite nelle caverne norvegesi e dedicate a Ullr, il Dio dello sci della mitologia scandinava, così come altri resti di sci ritrovati in Svezia presso Hoting, fanno risalire ancora oltre l'origine di questi attrezzi che, secondo lo studioso J.L. Babelay, l'uomo prteistorico aveva costruito imitando lo zoccolo delle renne.

Erodoto, Senofonte, Strabone descrivono gli spostamenti sulla neve mediante due assicelle assicurate ai piedi delle popolazioni uralo-altaiche.

Nel 550 d.C. Procopio e Sodani riparlano dello sci che, fatto storicamente accertato, entra in uso per fini militari presso i cinesi della dinastia Tang, nel 618. Più frequenti le notizie successive.

Nel 1200 soldati sciatori partecipano alla battaglia di Oslo e nella sua 'Historia de gentibus septentrionalibus' l'arcivescovo di Uppsala  Olaus Magnus descrive, nel 1365, l'uso dello sci, ormai divenuto universale, nel mondo nordico.

Olaus Magnus ne descrive la forma e l'uso, l'utilizzazione come mezzo di guerra, di caccia e per competizioni. 

Il suo testo era accompagnato da incisioni illustrative che confermano come lo sci avesse raggiunto aspetti simili a quello moderno.

Era sempre rivestito di pelle di foca, mentre per la spinta e la direzione si usava un lungo bastone.

Come mezzo bellico, lo sci ebbe grande importanza sia nella guerra 1915-1918, sia nel secondo conflitto mondiale. 

L'uso dello sci, nelle spedizioni polari ed in quelle alpinistiche è descritto in migliaia di opere. Secondo i reperti trovati e gli studi compiuti, lo sci antico ha avuto tre zone d'influenza:

1) zona dello sci artico (Giappone, Siberia, Finlandia, Norvegia del Nord) dove lo sci era lungo 170 centimetri e largo 20 e alle punte ricurve erano legate due lunghe funicelle che servivano per la direzione.

2) zona dello sci nordico (Islanda, Scandinavia, Groenlandia) dove lo sci era lungo anche 4 metri e largo soltanto 10 centimetri, con le punte ricurve molto più alte e l'uso, per la direzione, di un solo lungo bastone che doveva talvolta sopportare anche l'intero peso dello sciatore.

3) zona dello sci meridionale ( Caucaso, Alpi, Asia centrale, Europa del centro-nord) dove lo sci era cortissimo, lungo appena poco più del piede, e largo 8-10 centimetri.

Lo sci come competizione sportiva è invece relativamente recente, dal momento che le prime gare si sono svolte a metà dell'Ottocento in terra norvegese e precisamente nel 1843 a Tromso, nota come la capitale della Lapponia.

Qualche anno più tardi, nel 1860, il re di Norvegia decise di mettere in palio una coppa per premiare lo sciatore più veloce sulla pista di Holmenkollen, una nota collina della capitale Oslo che nel corso della storia ha ospitato in diverse occasioni le Olimpiadi Invernali ed i Campionati Mondiali di sci.

Ed a proposito di Giochi Olimpici ricordiamo che il battesimo delle Olimpiadi Invernali risale al 25 gennaio del 1924, quando nella città francese di Chamonix-Mont-Blanc vennero organizzate le prime gare destinate successivamente a ripetersi ogni quattro anni per la grande gioia degli sportivi e dei tanti appassionati di sci, pattinaggio, hockey su ghiaccio e della altre discipline previste in queste competizioni internazionali.